Hughes ha escluso l'E-Prix di Roma dopo lo shunt di qualificazione

Unisciti alla Formula E

Accedi o crea il tuo account Formula E

Iscriversi è facile, veloce e gratuito

Avrai accesso a:

  • Helmet

    Notizia. Analisi. Caratteristiche esclusive

  • Schedule

    Prenotazione prioritaria. Prezzi anticipati

  • Trophy

    Concorsi. Sconti. Esperienze

  • Podium

    Prevedi. Votazione. Vincita

PER CONTINUARE A LEGGERE...

Dovrai accedere o creare un account Formula E.

Hughes ha escluso l'E-Prix di Roma dopo lo shunt di qualificazione

Jake Hughes della NEOM McLaren non parteciperà all'E-Prix di Roma di oggi dopo un duro turno di qualifica.

1019750560-LAT-20230715-EPS913_102113SMG_8116-min

Il britannico ha subito danni alla sua vettura #5, dopo essere caduto in una delle parti più veloci del circuito nelle fasi finali del Gruppo B.

In una dichiarazione, il team McLaren ha condiviso la notizia e ha dichiarato che il livello dei danni e il fatto che il telaio di ricambio fosse già stato utilizzato per il fine settimana sono stati i motivi per cui non è tornato al volante oggi.

«Il team NEOM McLaren di Formula E si rammarica di confermare che la vettura #5 di Jake Hughes non sarà in grado di competere all'E-Prix di Roma di oggi, a causa dei danni subiti durante le fasi a gironi delle qualifiche.

«Sfortunatamente, una combinazione di gravi danni alla vettura e del telaio del nostro produttore di ricambio condiviso, già riparato all'inizio di questo fine settimana dal team Nissan di Formula E, ci lascia in una posizione in cui non siamo in grado di riparare l'auto in tempo per la gara».

Norman Nato di Nissan si è schiantato ieri al termine delle prove libere 1 e di conseguenza gli è stato dato il telaio di ricambio condiviso tra Nissan e il team clienti McLaren.

Parlando del suo incidente, Hughes afferma di essere stato «tutto bene da parte sua».

«Ovviamente, è un vero peccato. Ci scusiamo per tutti i ragazzi che stanno facendo tutto il lavoro per riparare la macchina, è stato un peccato perché eravamo piuttosto veloci ed eravamo in P2 o P3 in quel momento. Un incidente improvviso, abbiamo appena colpito un urto dall'angolazione sbagliata, ma queste sono le corse su strada. È quello che è. Faremo in modo di tornare più forti, ma è il motorsport e queste cose succedono. Li riprenderemo la prossima volta».