Come hanno avvertito Guenther e Maserati che possono diventare una vera forza con il dominio di Giacarta

Unisciti alla Formula E

Accedi o crea il tuo account Formula E

Iscriversi è facile, veloce e gratuito

Avrai accesso a:

  • Helmet

    Notizia. Analisi. Caratteristiche esclusive

  • Schedule

    Prenotazione prioritaria. Prezzi anticipati

  • Trophy

    Concorsi. Sconti. Esperienze

  • Podium

    Prevedi. Votazione. Vincita

PER CONTINUARE A LEGGERE...

Dovrai accedere o creare un account Formula E.

Come hanno avvertito Guenther e Maserati che possono diventare una vera forza con il dominio di Giacarta

Non c'è modo migliore per ribaltare le sorti di una stagione difficile e ottenere la prima vittoria importante di un costruttore della prestazione vincente di Maximilian Guenther nella seconda metà della doppietta del Gulavit Jakarta E-Prix, coronando nel miglior modo possibile un fine settimana di dominio.

Guenther wins in Jakarta for Maserati Formula E

[translation.provider.message.aws]

Maserati MSG Racing ha mostrato un ritmo vincente sin dalla prima gara del costruttore italiano nell'ABB FIA Formula E World Championship all'inizio di questa stagione - e, in effetti, anche prima, quando era in testa nei test di Valencia - ma una campagna ricca di incidenti ha visto sia Maximilian Guenther che Edoardo Mortara lottare per la conversione allo spegnimento delle luci e in assetto da gara.

LEGGI DI PIÙ: L'orgoglio di Guenther per la storica Maserati

Il doppio podio di Guenther in Indonesia ha confermato due giorni di vittorie in ogni sessione di Formula E che gli è stata offerta.

Le

prove libere 1 sono state superate dal tedesco, poi dalle libere 2. La pole position di Julius Baer per il decimo round è stata sua, seguita dal podio, anche se nelle 13 gare precedenti, nessun polesitter era riuscito a convertire

la vittoria della gara.

Non importa, scendi e torna domenica. Prove libere 3: Guenther. Pole del round 11? Da Günther. Infine, il pilota della Maserati è riuscito a spezzare la maledizione del polesitter e a salire sul gradino più alto per suggellare la prima vittoria di Maserati nel campionato del mondo in monoposto da quando il leggendario Juan Manuel Fangio vinse al Nurburgring

nel 1957 con la casa italiana.

Aggiungete a ciò un paio di top 10 per Mortara e in un weekend la squadra ha totalizzato il doppio dei punti segnati in tutta la stagione, oltre alla vittoria decisiva.

FUN_GUEACHIEVEMENTS_4x5_v3

Se Jakarta può essere un punto di svolta per le sorti di Maserati, Gara 2 è un punto di riferimento imponente. La voglia di Gunther di vincere dalla pole position, che non è mai scesa al di sotto del terzo posto, è stata da manuale, dominante e culminata nel secondo maggior margine di vittoria della stagione con 2,8 secondi. Una volta che toccò la parte anteriore, non si voltò indietro.

Guenther ha azzeccato il momento giusto, felice di tenere testa a Jake Dennis (Avalanche Andretti) una volta che il britannico si è portato in vantaggio nel primo round di attivazioni della MODALITÀ ATTACK.

PUNTI SALIENTI: 11° round dell'E-Prix di Gulavit Jakarta

L'interruttore rivelatore è arrivato quando Guenther ha resistito alla seconda scossa di ATTACK MODE quando Dennis ha battuto le palpebre per primo. Il tedesco è riuscito a generare un distacco sufficiente a scavalcare il pilota dell'Avalanche Andretti quando ha effettuato il tuffo per la sua ultima spinta da 50 kW al

18° giro.

Da lì, il pilota della Maserati MSG Racing non si è voltato indietro e, infatti, è stato in grado di sgranchirsi le gambe: 2.822 secondi su Dennis arrivato alla bandiera e più di 18 secondi sul terzo classificato Mitch Evans sulla Jaguar TCS Racing I-TYPE 6.

Nessuno aveva vinto per più di due secondi nell'era GEN3 dalla vittoria di Dennis all'apertura della stagione a Città del Messico e quel margine era il più alto che avevamo visto negli ultimi 10 round.

R11 top speeds

Ironia della sorte, Gunther ha effettivamente registrato la velocità massima più lenta di qualsiasi altro pilota dell'intero E-Prix. Queste anomalie statistiche contano molto meno che avere il controllo e Guenther, che era incredibilmente veloce quando contava, ha mantenuto le sue velocità minime e medie nel giusto campo da baseball rispetto a quelli che lo circondavano, e aveva sicuramente il

controllo.

Dopo essere stato ostacolato in gara uno, battuto dal leader della classifica Pascal Wehrlein (TAG Heuer Porsche) e da Dennis, la piccola ma significativa differenza tra i due formati di gara a Giacarta ha portato a una storia diversa.

La seconda gara, lunga due giri, ha reso la gestione dell'energia più importante in gara due, almeno finché tutti non fossero sicuri di essere in grado di spingere fino alla fine. Si trattava di una gara caotica in cui nessuno voleva prendere il comando fin dall'inizio

.

Essere sul bersaglio era fondamentale, da qui la prima parte dell'E-Prix a bassa velocità: la velocità media di Guenther nei primi 10 giri era di 111,4 km/h, mentre in gara uno lo stesso campione era di 114,3 km/h. E nella prima metà dell'E-Prix di sabato la velocità massima di Guenther non è mai stata superiore a 218 km/h, mentre la domenica era di soli 213 km/h: nonostante avesse la MODALITÀ D'ATTACCO in questa MODALITÀ tempo e passaggi in pista.

Guenther è stato esortato a dare priorità alla massima efficienza e ha svolto un ottimo lavoro in questo senso: ha mantenuto un piccolo ma decisivo vantaggio su Dennis, circa lo 0,5%, ma un vantaggio molto più significativo della batteria dell'1,5% su Mitch Evans (Jaguar TCS Racing), l'altro membro di questa battaglia di testa. Questa disparità ha reso Evans incapace di convivere con il ritmo e le prestazioni del pilota Maserati

in prima linea.

Quindi, si trasformò in una lotta diretta tra Guenther e Dennis, una lotta che alla fine andò a favore di Guenther. Il piccolo vantaggio della batteria che aveva a metà gara gli ha permesso di tornare in testa e iniziare a creare un gap, mentre Dennis ha dovuto rallentare il ritmo per tornare ai suoi obiettivi energetici

.

Guenther sospettava che Dennis stesse cercando di risparmiare per poter attaccare in ritardo, ma Dennis ha perso troppo terreno per rifornire la batteria. Sebbene avesse accumulato un vantaggio dell'1% su Guenther con circa sette giri rimanenti, a quest'ora era a tre secondi di distanza ed era troppo poco, troppo tardi

.

LEGGI DI PIÙ: Come Hughes e Ticktum sono saliti più lontano a Giacarta

Dennis ha inevitabilmente colmato questa lacuna poiché Guenther si è concentrato solo sulla gestione, ma non abbastanza da lanciare un'offerta tardiva per la vittoria. Gunther vinse per quasi tre secondi, ottenendo la prima vittoria di Maserati in una gara di Formula E in

modo imponente.

Si è trattato di un mix di gestione della velocità e dell'energia che finora era stato visto solo dai propulsori Porsche e Jaguar in questa stagione e che ha dimostrato di cosa può essere capace la Maserati Tipo Folgore quando tutte le stelle si allineano.

Gunther riteneva che la sua squadra fosse partita forte a Giacarta, quindi ora il compito è fare lo stesso altrove. Replicare il risultato sarà estremamente difficile, ma una simile costanza di prestazioni può rendere lui e Maserati

una forza davvero imponente.