DIRIYAH TRACK GUIDE: Cosa serve per giocare a dadi nel deserto al buio?

Il Diriyah Street Circuit è uno dei preferiti dai piloti su e giù per la pit lane e dà sempre spettacolo, ma cosa significa per i piloti correre sotto le luci e come fanno a farlo bene a più di 270 km/h tra le strade sconnesse della città vecchia, di notte?

Diriyah start 2

Il circuito veloce e scorrevole di 2,49 km con 21 curve fiancheggia lo splendido sito Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO di At-Turaif ad Ad-Diriyah. La prima metà del giro è costituita da una «pista da bob» con curve ondulate e veloci con barriere che si profilano ravvicinate su entrambi i lati.

I piloti lo adorano ed è difficile credere che 22 di loro corrano fianco a fianco laggiù, a tutta velocità, dopo averlo visto in carne e ossa. Il giro di un passeggero a bordo della Porsche Taycan Safety Car ha sollevato il coperchio e ha mostrato alla nostra redazione quanto devono essere disumani questi ragazzi per farlo.

SINTONIZZATI: Dove guardare la Formula E dove ti trovi

Insieme alle ondulazioni, ci sono curve di ogni tipo, più alcuni lunghi rettilinei. I sorpassi sono sempre possibili a Diriyah, con l'occasione migliore alla curva a destra a 90 gradi alla curva 18, poco prima della zona ATTACK MODE all'esterno della 19.

Anche il circuito non è mai privo di drammi. La Safety Car è apparsa in ogni gara in Arabia Saudita fino ad oggi. Bene, allora aggiungiamo giri per ogni veicolo neutralizzato con Full Course Yellow o Safety Car!

Cosa significa il passaggio alla notte per gli autisti?

L'allora gara di apertura della stagione in Arabia Saudita ha ospitato le gare notturne della Formula E sin dalla loro prima apparizione all'E-Prix di Diriyah della stagione 7. Nella stagione 9, il circuito sarà nuovamente illuminato da 22 auto di Formula E e dalle loro Halo, oltre alla più recente tecnologia LED a bassa potenza presente sul circuito.

Queste riducono il consumo di energia fino al 50% rispetto alle unità non LED e saranno alimentate da generatori di biocarburanti di origine sostenibile.

Come fanno i piloti a pensare alle corse notturne?

Adoro correre in Arabia Saudita: la pista è fantastica», afferma il campione della sesta stagione Antonio Felix da Costa. «Sono stato il primo vincitore della quinta stagione e ho dei bei ricordi. Andiamo bene ogni volta che ci andiamo.

«Trattandosi di una gara notturna, gli allenamenti e le qualifiche si svolgono durante il giorno e poi si corre di notte. Le temperature cambiano, così come la superficie della pista e la sabbia viene spazzolata via.

LEGGI DI PIÙ: I momenti migliori di Diriyah

«Anche le tue percezioni cambiano con il cambiare delle ombre. Ci vuole un po' di adattamento e allenamento alla vista, ma adoro le diverse variabili e sicuramente creano uno spettacolo migliore per i fan. È molto bello correre lì e bello da guardare, soprattutto di notte».

«È una pista fantastica e mi piace molto», afferma Pascal Wehrlein (TAG Heuer Porsche). «È un circuito ad alta velocità, né troppo piccolo né troppo grande. Ha ogni tipo di curva, in salita, in discesa, curve cieche, lente e molte opportunità di sorpasso.

«Ha dimostrato che spettacolo può essere e le gare notturne con il circuito e le auto illuminate sulla Halo l'hanno resa fantastica».

È un evento davvero speciale, davvero unico», ha aggiunto il pilota di Maserati MSG Racing Edoardo Mortara. «La pista è un mix enorme di curve ed è molto impegnativa perché devi avere il coraggio di avvicinarti alle pareti. È uno dei miei posti preferiti per correre.

«Il livello di aderenza varia a seconda della gara notturna e lo si percepisce sicuramente tra una sessione e l'altra. C'è una grande evoluzione in termini di aderenza su tutta la doppietta e lo si può vedere dai tempi sul giro: all'inizio del weekend possiamo essere a sei o sette secondi dal ritmo».